La Camera d’Albergo ideale -3-

Inviato da:

L’attenzione al comfort: le Porte 

Vediamo adesso quali sono le specifiche principali che ogni albergatore deve rispettare per offrire un ambiente sicuro, a norma e di comfort per il cliente.
Dobbiamo partire dal notare come molte recensioni negative o critiche che i clienti muovono agli alberghi sui siti specializzati e social network, riguardano la rumorosità degli ambienti. Partiamo dalle porte, che rappresentano, per così dire, il preludio alla stanza. Le porte, infatti, possono essere dotate di un pannello caratterizzato da una certa massa, che di conseguenza ostacola la trasmissione acustica. Il telaio della porta deve essere realizzato in tale da avere delle guarnizioni di tenuta. Inoltre, lo spazio presente tra telaio e muratura deve essere sigillato con l’utilizzo di schiuma ad alta densità. Il silenzio e la tranquillità sono fattori molto apprezzati dai clienti. A nessuno farebbe piacere soggiornare in una camera dove si sentano distintamente i rumori del corridoio oppure i suoni provenienti dalle camere adiacenti.

In una camera, dove il silenzio è uno dei parametri più rilevanti, il rumore percepito non deve superare i 35/40 decibel.

Porte insonorizzateDove ci sono problemi di rumore che vengono dalla porta, se non si vuole affrontare la spesa e il disagio dei lavori per sostituire le porte con delle nuove porte insonorizzate, si rivela utile applicare dei pannelli imbottiti rifiniti in ecopelle all’interno della porta che, oltre ad essere delle soluzioni d’arredo molto belle, offrono una discreta fonoassorbenza, consentendo un isolamento acustico efficiente. La soglia, infine, deve essere realizzata in maniera tale che sotto la porta non passino pavimentazioni realizzate in moquette, parquet o in altri materiali che possano andare a fuoco e quindi trasmettere le fiamme da un locale all’altro.

 






0

La Camera d’Albergo ideale -2-

Inviato da:

La scelta dei materiali

Ogni albergatore deve realizzare gli arredi della propria struttura adeguando le esigenze di budget a quelle che sono le normative e le indicazioni presenti nella legislazione vigente. Questo è solo uno degli aspetti che vincolano la scelta dell’arredamento; d’altro canto non bisogna dimenticare il comfort e l’esigenza di creare un ambiente piacevole che possa conciliare il riposo, privilegiando scelte che uniscano allo stesso tempo design e funzionalità.
Anzitutto bisogna avere le idee chiare da subito e chiedersi: “che stile voglio per il mio albergo e, di conseguenza, anche per l’arredamento delle camere?
Questa non è una domanda banale, poiché in base all’ambiente creato possiamo offrire determinate suggestioni al nostro ospite e trasportarlo in una realtà differente. Il concept della camera deve essere pensato innanzitutto in funzione dei clienti.
Il primo criterio da rispettare potrebbe essere l’unità tra l’ambiente esterno e interno. Riportare colori ed essenze di una località all’interno della camera può essere una scelta vincente. Per esempio, ad un albergo situato in montagna si potrebbero abbinare arredi o accessori che richiamino i colori e i materiali naturali, mentre per un Hotel ubicato in città potrebbero essere più adatte linee moderne e attuali, soprattutto se si tratta di edifici di nuova costruzione. Altro discorso riguarda le dimore d’epoca, i cui richiami al periodo di costruzione dovrebbero essere visibili nell’arredamento e nei complementi utilizzati, in modo da valorizzarle al massimo.
Non esiste in ogni caso una regola univoca per il design, potrebbe essere una scelta vincente anche offrire un forte contrasto tra interno ed esterno, ad esempio proponendo il moderno in un contesto classico, l’importante è valorizzare la struttura dando un certo tipo di omogeneità, un filo conduttore.
I casi sono davvero tanti e sarebbe impossibile trattarli tutti, tuttavia, qualunque sia la tipologia di albergo, ci sono alcune indicazioni standard che devono essere seguite. I materiali che si possono utilizzare per rendere le proprie camere uniche e curate in ogni minimo dettaglio sono molti.
Chi punta sulle essenze del legno sa bene che è lo spessore di questo materiale a dare importanza e prestigio alla camera; ed a aumentarne la robustezza e la durata della mobilia nel corso degli anni.
C’è chi invece preferisce puntare su testate imbottite e particolari in stoffa, ma questa può essere una scelta che implica una manutenzione più onerosa.
Un’altra alternativa è rappresentata dalla pelle e dall’ecopelle, quest’ultima più economica rispetto alla prima, ma capace comunque di offrire un ottimo impatto visivo donando una certa eleganza e rendendo l’ambiente sofisticato e moderno e di facile manutenzione.
Quale che sia la scelta che si intende perseguire, è fondamentale, anche in questo caso, non trascurare specifiche tecniche che consentano una migliore gestione degli spazi e che allo stesso tempo garantiscano la sicurezza e il comfort degli ospiti.






0

La Camera d’Albergo ideale -1-

Inviato da:

Che si stia ristrutturando o aprendo un’attività ricettiva da zero, l’esigenza di progettare e realizzare la propria struttura affiancati da partner affidabili è un elemento che può fare la differenza.
Rinnovare o costruire da zero, non significa esclusivamente adeguarsi a normative o leggi. Nel nostro paese dominano ancora lo scenario dell’ospitalità strutture in cui troviamo camere al limite dell’abitabilità, bagni da rimodernare, illuminazione inadeguata, arredi vetusti e ambienti privi di identità.

Il lancio ma soprattutto il rilancio di una struttura alberghiera può essere un processo complesso, che tra l’altro ha a che fare con una variabile estremamente mutevole: l’ospite.
Ai molti alberghi che soffrono di questi problemi, si pone una difficile scelta: conservare oppure innovare? E, rinnovando, come fare? A volte manca l’esperienza con cui confrontarsi, il punto di riferimento.

Come vedremo nei prossimi post, esistono professionalità che si occupano di arredamento e ristrutturazioni nel mondo privato ma per una struttura alberghiera bisogna affidarsi a professionalità del campo dell’ospitalità, che conoscano le specifiche differenze con l’ambito privato.

La crisi, è innegabile, ha colpito il mondo alberghiero, a partire dalla fascia di offerta media e bassa. Il motivo per cui le strutture troppo economiche stentano a riprendersi in parte è dovuto anche al fatto che sono male attrezzate e spesso hanno arredi datati, tanto da non poter portare ad una preferenza per l’una o l’altra struttura, e quindi l’unica variabile poi la fa il prezzo.

Con una maggiore attenzione a ristrutturazioni (o creazioni) e di conseguenza con arredi di qualità e funzionali, che con i dovuti accorgimenti possono essere realizzati anche a basso costo, si potrebbe contribuire al rilancio del settore, senza investimenti troppo onerosi per impianti e interventi murali.
Se è vero che da un lato la sfida imprenditoriale e quella di interior design presentano un certo fascino, bisogna però anche confrontarsi con normative che regolamentano la sicurezza degli ambienti e degli arredamenti, nonché scegliere arredi e complementi studiati ad hoc, che richiedano una facile manutenzione, che abbiano un costo adeguato, una buona funzionalità e un’ottima resa nel corso del tempo.

Gli albergatori, pertanto, non solo sono chiamati a scegliere tra le più moderne tendenze in fatto di ospitalità e design, ma devono anche avere ben chiare alcune specifiche che vanno rispettate per legge.

Dimensioni camere Albergo:
Prima di pensare come arredare una camera d’albergo, si deve partire dallo spazio a disposizione, cioè dai mq minimi per camera che vanno tenuti in considerazione da qualsiasi albergatore che si accinga ad aprire una nuova attività o a ristrutturare la propria struttura ricettiva.

E’ doveroso ricordare che alle strutture ricettive che hanno dato vita alla propria attività prima del 1 settembre 1997 è consentito il mantenimento delle superfici esistenti purché le stanze non presentino superfici minori rispetto a quelle di seguito indicate:

  • 7 mq per le camere singole di alberghi 1, 2, 3 stelle
  • 8 mq per le camere singole di alberghi 4 stelle
  • 11 mq per le camere doppie di alberghi 1, 2, 3 stelle
  • 13 mq per le camere doppie di alberghi 4 stelle
  • 15 mq per le camere triple di alberghi 1, 2, 3 stelle
  • 18 mq per le camere triple di alberghi 4 stelle

Proprio nelle tipologie di camera con spazi ridotti è fondamentale ottimizzare l’arredo utilizzando mobili di dimensioni più contenute, a volte realizzati su misura,  per mantenere comunque una perfetta abitabilità della camera, considerando che è proprio la camera l’ambiente in cui l’ospite trascorrerà più tempo.
Come sempre, in questi casi il buon senso e la lungimiranza dell’imprenditore fanno la differenza nella gestione dell’albergo, in quanto bisogna tener presente il proprio target e considerare ciò che i clienti desiderano in termini di ospitalità.






0

Se rinnovi… ospiti di più!

Inviato da:

L’ospitalità è un’arte che si manifesta quando si riesce a rispondere pienamente alle aspettative dei propri clienti, se non addirittura a superarle!

Il settore ricettivo italiano quest’anno sarà messo a prova, a partire da Expo 2015 passando per il periodo estivo, quando sono protagoniste non solo le località balneari ma anche le città d’arte, fino ad arrivare al Giubileo della Misericordia indetto da Papa Francesco, che prenderà il via l’8 dicembre 2015 per poi concludersi il 20 novembre 2016.

Facciamo quindi il punto della situazione sullo stato del settore ricettivo nel nostro Paese.

Di recente, attraverso il Ministero dei Beni Culturali sono stati emanati dei decreti che incentivano la ristrutturazione degli alberghi e la messa in atto di migliorie che consentano una maggior efficienza energetica. Il decreto Art Bonus è stato elaborato proprio per consentire agli albergatori di rendere più moderna e competitiva la propria offerta. Tutto questo significa che nella percezione generale molte strutture sono ritenute non sufficienti a rispondere alle esigenze della clientela.

I primi incriminati sono gli alberghi con camere datate e non più attrattive per la maggior parte dei turisti, specialmente quelli provenienti dall’estero, che spesso sono abituati a standard elevati. Ricordiamo che per effettuare la prenotazione, oggi, esistono molti canali di booking e portali di recensioni che riportano i pareri delle persone che hanno soggiornato, per cui costruirsi una buona reputazione è il primo passo per ospitare di più!

I potenziali clienti, infatti, possono scegliere a parità di costo la camera dotata di maggiori comfort o con più accessori messi a disposizione, come per esempio bollitore, macchina per caffè espresso o una cassaforte atta a contenere un notebook o almeno un tablet. Queste sono solo alcune delle idee che possono essere messe in pratica e che fanno capire che alle volte basta veramente poco per condizionare la percezione della qualità dell’ospitalità nel cliente.

Rinnovare gli arredi, soprattutto se non lo si fa da un po’ di tempo, può essere la via giusta per offrire un’accoglienza più moderna e al passo con i tempi.

In particolare, non si deve trascurare il letto, che deve essere quanto più confortevole possibile. Teniamo presente che in manifestazioni come il Giubileo, ad esempio, gli ospiti trascorreranno molto tempo fuori dalla camera per partecipare alle funzioni e visitare i luoghi più sacri della città. Sicuramente ci saranno code e file, per l’accesso al Vaticano o alle altre attrattive della Capitale, che comportano prolungati periodi in piedi: una volta tornato in camera, l’ospite desidererà riposare comodamente. Offrire un letto scomodo, con reti e materasso che non assicurano il giusto sostegno per schiena e gambe, significa quindi compromettere il processo di fidelizzazione del cliente.

Se invece non si ha budget a sufficienza, oppure se non è necessario rinnovare completamente i propri arredi, si può sempre rinnovare con piccoli interventi di restyling. Per esempio si può cambiare la testata del letto, oppure scegliere di collocare in camera un armadio più pratico, cambiare la tappezzeria o le coperte per dare un tocco di nuovo.

Manca il frigobar in camera: perché pensi che non ci sia lo spazio per collocarlo? Esistono soluzioni salvaspazio come il portaminibar a colonna oltre al classico scrittoio con vano frigobar, che consente di ottimizzare gli spazi in camera senza rinunciare ai comfort principali.

Una bella biancheria da letto e da bagno sarà altresì molto apprezzata dai clienti. Nuovi copriletto, tende oscuranti, nuovi materassi, possono influenzare notevolmente il giudizio da parte dei tuoi ospiti.

Per tenersi aggiornati sulle ultime tendenze e per realizzare “la camera perfetta”, basta procurarsi l’ultima guida di Fas Italia relativa all’arredo e alla ristrutturazione della camera d’albergo. Puoi scaricare gratuitamente la guida La Camera Ideale e iniziare subito a capire cosa puoi migliorare nel tuo albergo, grazie a utili consigli e idee che si possono mettere in atto molto facilmente.

Questo Giubileo è un’occasione da non perdere per gli albergatori romani, anche se poi sarà coinvolta l’intera provincia insieme alle attività ricettive delle zone limitrofe. Farsi trovare pronti è fondamentale nella gestione di un flusso turistico così importante e imponente.

Il Giubileo della Misericordia rappresenta un ulteriore banco di prova per il settore ricettivo italiano, che dovrà dimostrarsi al passo con le più moderne tendenze in fatto di ospitalità. Se da un lato non bisogna dimenticare l’aspetto religioso e sacro dell’evento, d’altro canto non possiamo negare le ricadute positive che ci saranno sul settore alberghiero non solo romano e laziale, ma anche italiano, in quanto magari alcuni pellegrini potranno sfruttare l’occasione del Giubileo per venire in Italia e inserire nel proprio viaggio anche altre mete.

Ci sono solo 8 mesi che precedono l’apertura del Giubileo: questo lasso di tempo può essere utile per dare vita alla tua camera perfetta. Ricorda: se rinnovi… ospiti di più!






0
Pagina 3 del 3 123